29 Gen 2018 | nessun commento |
Forlanini: un tempo ospedale oggi bunker

Ci scrive un lettore raccontandoci la sua vicenda nel parco del nosocomio chiuso dalla Regione
“Visitare gli uffici del San Camillo Forlanini è un rischio”. Inizia così la nota di Claudio Centomini che alcuni giorni fa ha varcato l’ingresso dell’ex ospedale chiuso dal 30 giugno 2015. Un ingresso che ricorda quello di un penitenziario. Filo spinato sul muro di cinta, quattro, cinque, perfino sei agenti ogni mattina davanti al cancello, cartelli di stop e divieti ovunque. Quanto ci racconta il dipendente dell’azienda ospedaliera è la prova reale della militarizzazione di quello …

leggi tutto l'editoriale »

governo »

[19 Feb 2018 | nessun commento | ]
Caltabellotta, fondazione Gimbe: “La tutela della salute dipende dal Cap di residenza”

“Il periodo pre-elettorale è il momento giusto per condividere con i cittadini alcuni numeri inquietanti, che testimoniano come il diritto alla tutela della salute sia ormai legato al codice di avviamento postale di residenza, da cui dipendono anche forti differenze nei ‘prelievi’ dalle tasche dei cittadini (ticket, addizionali Irpef, ecc.)”. Lo afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – che si occupa di temi sanitari – secondo cui dal punto di vista etico, sociale ed economico è inaccettabile che il diritto costituzionale alla tutela della salute, affidato a una leale quanto utopistica collaborazione …

leggi tutto l'articolo »

regione »

[19 Feb 2018 | nessun commento | ]
Zingaretti: “Da recupero evasione fiscale oltre 3,5 mln per ristrutturare Dea San Camillo”

“Grazie alla lotta all’evasione fiscale siamo riusciti a recuperare importanti risorse che ora verranno assegnate all’azienda ospedaliera San Camillo Forlanini per l’ampliamento del Dipartimento d’emergenza pronto soccorso e del reparto di degenza del centro trapianti di cuore. L’operazione avviata nel 2016, ha permesso di recuperare milioni dal mancato pagamento dei ticket sanitari che oggi reinvestiamo per migliorare la qualità delle cure e ampliare i servizi. Abbiamo fatto della lotta agli sprechi un punto fondamentale della nostra azione di governo in ogni campo. Questi sono i frutti di un lavoro che continueremo a portare …

leggi tutto l'articolo »

regione »

[19 Feb 2018 | nessun commento | ]
Sbardella, candidato Nci attacca Zingaretti: ”Ha speso male i soldi a sua  disposizione” 

“Tema centrale della campagna elettorale è la sanità. Zingaretti ha speso malissimo i soldi che ha avuto a disposizione. Ricordo che l’extragettito di 900 milioni di euro pagato dai cittadini e imprese del Lazio con l’addizionale fiscale dello 0,5 obbligatoria, causa commissariamento della sanità, è stato speso per altro, non per la salute dei cittadini.” Lo ha dichiarato Pietro Sbardella, consigliere regionale e capolista di Noi con l’Italia alle elezioni regionali, al Tg Lazio. “Il presidente impegna la stessa cifra di Marrazzo ‘commissariato’ avendo 2 miliardi in più dal Fondo sanitario …

leggi tutto l'articolo »

regione »

[19 Feb 2018 | nessun commento | ]
“A colpi di Picozza”. la strategia del giornalista presente nella lista civica per Zingaretti

“I fatti sono chiari: ci troviamo di fronte ad un deficit che è stato drasticamente ridotto da questa amministrazione: erano 740 milioni di euro quando Zingaretti si affacciava alla presidenza della Regione Lazio oggi siamo a 136 milioni.”  Lo ha dichiarato Carlo Picozza, cronista di Repubblica esperto di sanità, candidato alle elezioni regionali del Lazio nella lista civica “Per Zingaretti”, intervenendo al dibattito andato in onda sul Tg regionale il 13 febbraio scorso. Pur riconoscendo che nella regione i cittadini sono afflitti dalla pressione fiscale più alta d’Italia, Picozza ritiene …

leggi tutto l'articolo »

rione sanità »

[1 Feb 2018 | nessun commento | ]
Il web campione di “fakenews”

Moltissimi italiani si informano on line sulla propria salute. Pubblicata indagine Censis   
Sanità e informazione, un rapporto costante che si complica attraverso la consultazione del web. Secondo una rilevazione del Censis, realizzata da Assosalute, più di 8 milioni di persone nel corso dell’anno passato hanno reperito on line informazioni errate, vere e proprie “fake news”, come usa dire ai nostri giorni. Sono oltre 15 milioni gli italiani che scelgono il pc per informarsi, tra questi il 17 per cento consulta siti generalisti, il 2,4 per cento i social network e soltanto …

leggi tutto l'articolo »