Home » emergenza coronavirus

Covid in carcere: 97 casi nel Lazio, appello del Garante

13 Gennaio 2021 nessun commento

Covid-19, focolaio nell’istituto penitenziario Rebibbia Nuovo complesso. L’allarme lo lancia il Garante dei detenuti della Regione Lazio Stefano Anastasìa, che giĂ  lo scorso 4 gennaio mise in guardia l’amministrazione penitenziaria, in seguito al trasferimento di alcuni detenuti positivi arrivati da Sulmona. Evidentemente quello che era un piccolo cluster non è stato circoscritto così, alla data del 13 gennaio, a tracciamento ancora in corso, sarebbero 23 i casi di positivitĂ  rilevati. “L’amministrazione penitenziaria deve prestare piĂą attenzione – ha ribadito Anastasìa – abbiamo piĂą volte chiesto di ridurre il sovraffollamento e provvedere alla tempestiva vaccinazione dei reclusi e degli operatori”. Mentre a Regina Coeli l’infezione sembrerebbe sotto controllo e i casi rilevati si starebbero risolvendo, nella casa di reclusione del Tiburtino c’è preoccupazione. Così come in tutta Italia in cui, secondo i dati diffusi dal dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, i casi non sarebbero da trascurare: 624 sono i reclusi positivi al Coronavirus, 587 dei quali asintomatici, 26 i ricoverati. Non rassicura neanche la situazione degli operatori carcerari, tra cui ci sarebbero 647 agenti contagiati, 64 dei quali sintomatici. Sessantuno i positivi fra il personale amministrativo e dirigenziale penitenziario. Secondo lo stesso report, i detenuti contagiati nelle carceri del Lazio sono 97. “Non si possono continuare a chiedere sacrifici ai detenuti: da quasi un anno non hanno piĂą colloqui con i familiari – spiega Anastasìa – spesso non possono piĂą andare a scuola o svolgere attivitĂ  mentre, con leggerezza, si effettuano trasferimenti da istituti con focolai attivi senza procedere a verifiche sulla negativitĂ  dei trasferiti”. Il Garante rivolge l’attenzione alla peculiaritĂ  e ai rischi della vita in comunitĂ  chiuse e sovraffollate come le carceri. “Occorre programmare e procedere alla vaccinazione non appena saranno completate quelle nelle Rsa – ribatte Anastasìa – e procedere alla riduzione del numero dei detenuti. Ci aspettiamo immediate risposte dal ministro Bonafede, dal commissario all’emergenza Arcuri e dalle regioni sulla necessaria anticipazione della campagna vaccinale nelle carceri, a partire dagli anziani e dai portatori di patologie a rischio”, conclude il Garante.

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.