Home » regione

Lazio, mascherine all’aperto e ordinanze da interpretare

4 Ottobre 2020 nessun commento

Al via dal 3 ottobre l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto nel Lazio. La disposizione deriva dall’ordinanza del presidente della Regione Nicola Zingaretti, che porta la data del 1° ottobre e che si basa sul monitoraggio dei casi effettuato negli ultimi 14 giorni, che ha dato risultati non confortanti sulla diffusione del virus. “Si è registrata nell’ultimo periodo una recrudescenza” si legge nel provvedimento “con un indice di contagiositĂ  in progressivo aumento, sebbene non sia stata accertata una trasmissione intra-scolastica”. Ovvero, la riapertura delle scuole non ha alcuna responsabilitĂ  secondo gli esperti ma assistiamo alla coda delle trasmissioni di Covid-19 dovuta a una estate piuttosto disinvolta: viaggi all’estero, discoteche in piena attivitĂ , movida sfrenata. E dalla media dei 30enni colpiti nella bella stagione, si è passati, precisa l’ordinanza “a una etĂ  mediana stabile a 41 anni”. In sintesi: i giovanissimi protagonisti dei divertimenti, ancorchĂ© asintomatici nella maggior parte dei casi, hanno trasmesso l’infezione in famiglia. Soprattutto sono i piĂą giovani i soggetti meno inclini a indossare la protezione delle vie aeree. Bastava camminare in una qualsiasi strada della Capitale per constatarlo. Così la Regione Lazio è dovuta correre ai ripari e in ambito governativo si sta riflettendo sull’opportunitĂ  di ricorrere ad analogo provvedimento su tutto il territorio nazionale. L’ordinanza però suscita perplessitĂ  per quanto attiene ai soggetti esentati dall’obbligo che “rimane escluso per i bambini al di sotto dei sei anni, per i portatori di patologie incompatibili con l’uso del dispositivo e durante l’esercizio di attivitĂ  motoria e/o sportiva”. I dubbi sono legati al combinato disposto di norme dell’Oms e del ministero della Salute proprio in riferimento all’attivitĂ  motoria. Per l’Organizzazione mondiale della sanitĂ , assunta dai nostri esperti epidemiologi quale indiscutibile punto di riferimento, tale attivitĂ  consiste in “qualsiasi movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici che richiede un dispendio energetico superiore a quello in condizioni di riposo” mente il dicastero presieduto da Roberto Speranza, chiarisce sul sito istituzionale che nella definizione “rientrano non solo le attivitĂ  sportive, ma anche semplici movimenti come camminare, andare in bicicletta, ballare, giocare, fare giardinaggio e lavori domestici, che fanno parte dell’attivitĂ  motoria spontanea”. Quindi, in base all’interpretazione “letterale” delle norme saremmo affrancati dall’uso della mascherina nel corso di una passeggiata in solitaria e in molte altre circostanze. Ma questo la Regione Lazio non lo chiarisce. Come non è chiaro se gli sportivi che eseguono esercizi in gruppo, a distanza ravvicinata, siano esentati o meno dall’obbligo di protezione. Il presidente Zingaretti, in ogni caso, ha ribadito che bisogna ritornare a quella responsabilitĂ  che c’era durante il lockdown, e seguire le regole auree “che non sono centomila ma quattro e semplici: indossare le mascherine, mantenere il distanziamento, osservare l’igiene delle mani e dell’ambiente, non creare assembramenti”.

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.