Home » la lettera

L’Ordine dei Medici di Roma chiede alla Regione Lazio di proteggere i neonati contro le epidemie

12 Febbraio 2020 nessun commento

Dall’Ordine provinciale dei Medici di Roma, riceviamo e volentieri pubblichiamo: 

“CONTRO EPIDEMIE VIRALI E BATTERICHE PROTEGGERE I NEONATI DELLA NOSTRA REGIONE”

Nel mese di luglio del 2018 abbiamo chiesto alla Regione Lazio di non abbassare la guardia sulla massima protezione dei NEONATI dalle gravi malattie, quali meningiti e polmoniti, da pneumococco e di mantenere la vaccinazione antipneumococcica 13-Valente. In un momento come quello attuale di massima allerta ed evidenza della grave minaccia rappresentata dalle malattie infettive, virali e batteriche, sentiamo il dovere di ribadire questa istanza. In riferimento al documento elaborato dalla nostra Commissione sulle Vaccinazioni di esperti multidisciplinare su “Contezza dell’offerta vaccinale nella Regione Lazio”, data la volontà di garantire sulla base dell’Art.13 del Codice di Deontologia Medica e dei principi di etica sanitaria che lo guidano, la migliore offerta di salute per i neonati, come Ordine chiediamo “conferma dell’offerta della vaccinazione antipneumococcica a maggiore protezione possibile per i bambini ad oggi rappresentata dalla formulazione 13-Valente”. Dobbiamo salvaguardare anche per il futuro quanto finora garantito nella protezione di tutti i nuovi nati. Pertanto attendiamo un chiaro riscontro sulla conferma nell’offerta della vaccinazione antipneumococcica 13-Valente nel calendario regionale dell’infanzia.

Nella foto, il presidente Nicola Zingaretti si vaccina contro il virus dell’influenza

 

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.