Home » regione

Piano sociale, la storia infinita

15 ottobre 2018 nessun commento

Iniziate le audizioni in Consiglio regionale per la ripartizione delle risorse ai soggetti fragili

Manca dal lontano 1999, è il documento fondamentale su cui basare l’assistenza alle fasce più fragili della popolazione ma ancora non vede la luce. Si tratta del Piano sociale regionale, a cui da tempo il Consiglio di via della Pisana sta lavorando. Un atto complesso, passato per commissioni, convocazioni di soggetti interessati e votazioni, volto a realizzare quelle politiche di welfare indispensabili a risollevare una consistente parte di popolazione e a snellire la sanità gravata da richieste a cui non sempre corrispondono risposte. Approvata nel 2016, la legge di recepimento delle norme nazionali del 2000 (legge 328), il 5 settembre scorso è partito l’iter per la ripartizione dei fondi, non senza polemiche. Si tratta di 50 milioni da distribuire in base a una suddivisione nelle cosiddette “macro aree”, ovvero l’appartenenza dei cittadini a una particolare fascia di fragilità. Per questo è partita l’analisi approfondita dei correttivi da apportare al provvedimento iniziale, con numerose audizioni e osservazioni. Si inizierà con i garanti dei detenuti e dell’infanzia, poi la consulta per la salute mentale, quella per la disabilità e l’handicap e l’associazione dei sindaci Anci.

 

Per info:

http://atticrl.regione.lazio.it/schemiDeliberaGiuntaRegionale_dettaglio.aspx?id=21

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.