Home » sanitĂ  utile

Acqua e salute, lectio magistralis alla Lancisiana

26 febbraio 2018 nessun commento

Luigi Valenzano, dermatologo di fama, su detergenza e termalismo alla prestigiosa Accademia

Sole, acqua, clima: elementi che hanno sempre interessato l’uomo che nella storia ne ha scoperto le potenzialitĂ  godendo di fanghi, bagni, grotte termali, solfatare, fumarole. Inizia così, con un excursus storico la brillante esposizione di Luigi Valenzano – giĂ  primario dermatologo del San Gallicano, appassionato di storia della medicina – in occasione dell’appuntamento del 6 febbraio del 303esimo anno accademico della Lancisiana, prestigiosa istituzione fondata dall’archiatra pontificio Giovanni Maria Lancisi il 25 aprile 1715. Dalle antiche civiltĂ  assiro-babilonesi, agli egizi, fenici, greci, passando per gli indiani e i cinesi, il culto per fiumi, laghi e acque naturali considerate sacre perchĂ© dotate di virtĂą terapeutiche. Così Talete, Asclepio, Igea, Panacea, divinitĂ  della medicina, della salute, della guarigione, predicavano igiene e cura del corpo finalizzati alla purificazione, alla fortificazione, al piacere. Ed Empedocle di Agrigento, con la sua teoria della “respirazione cutanea” fino al trattato di Ippocrate, padre della medicina con la sua “materia peccans” la cui fuoriuscita dal corpo non va contrastata ma eliminata con bagni e abluzioni. E le malattie cutanee descritte da Galeno, tra cui la gonorrea o blenorragia, definita “fuoriuscita di liquido seminale corrotto”. Dall’antichitĂ  ai giorni nostri, con il determinante apporto degli antichi romani e le impareggiabili terme di cui, ancora oggi possiamo godere i benefici.

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.