Home » regione

Salute, Santori-Figliomeni (fdi) “Su amianto 40 milioni di tonnellate da bonificare

7 novembre 2017 nessun commento

“Stop alla strage da amianto. Con questo obiettivo parteciperemo all’iniziativa dell’Osservatorio Nazionale Amianto per contribuire a superare questo mostro che ogni anno provoca più di 100.000 decessi per i soli casi di mesotelioma, cancro polmonare e asbestosi (stime OMS)”. Ė quanto dichiarano Fabrizio Santori e Francesco Figliomeni, esponenti di Fratelli d’Italia di Regione e Comune. I dati sono preoccupanti: oggi in Italia ci sono 40 mln di tonnellate di materiali contenenti amianto che continuano ad inquinare le nostre città e i nostri territori, mietendo migliaia di vittime ogni anno, spesso ignare della loro esposizione. Per tali motivi, i consiglieri  hanno depositato una proposta di legge e atti di denuncia alle  istituzioni competenti  â€œ ma Stato,  Regione e Comune  si voltano  dall’altra parte” continuano i consiglieri.“È inaccettabile che non vengano date risposte adeguate soprattutto a chi come l’Ona e il suo presidente Ezio Bonanni ha approfondito dettagliatamente dati e  ricerche conducendo una battaglia a tutela dei cittadini e della loro incolumità che interessa tutte le fasce di età, dai bambini agli adulti.  Ascolteremo con interesse i pareri tecnici e clinici dei ricercatori  Nicola Forte e Luciano Mutti, titolare della cattedra di oncologia medica e ricerca oncologica della facoltà di Medicina presso l’Università Salford di Manchester per capire le ripercussioni sulla salute da esposizione da amianto”. L’appuntamento è lunedì 6 novembre, alle ore 14:30 presso la sala del Carroccio in Campidoglio.

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.