Home » sanitĂ  utile

Diritti negati ai nati in un corpo ‘sconosciuto’

23 ottobre 2017 nessun commento

A Milano endocrinologi, psichiatri, giuristi, sessuologi discutono dei disturbi dell’identità di genere

Il nome scientifico è “Disforia di genere”, uno stato di disallineamento forte e persistente tra l’identità sessuale – la percezione che l’individuo ha di sé in quanto uomo o donna – e il sesso attribuito alla nascita in base ai dati biologici e cromosomici. Una battaglia che inizia nei primi 5 anni di vita e prende consistenza a mano a mano, toccando il culmine dopo la maggiore età, nel momento in cui la persona decide di fare il grande passo verso il processo di transizione. In Italia il rapporto è di un caso su 10/12mila maschi e uno su 30mila femmine e sovente si confonde con il travestitismo e contesti legati alla prostituzione o la tossicodipendenza. “In realtà non c’è alcuna relazione tra il comune sentire e la questione di identità” afferma Piernicola Garofalo, presidente dell’AmeOnlus e promotore del convegno di esperti tenutosi a Milano il 12 ottobre. Le famiglie in primo luogo, e la società sono impreparati ad affrontare tale condizione. Insistono gli esperti: “dai documenti discordanti al ricovero in ospedale, nel lavoro, all’università, nei viaggi, passando per l’ufficio postale o il seggio elettorale, per non parlare dei servizi igienici o del caso drammatico della reclusione, viene continuamente violata la privacy di queste persone e negato il loro diritto al rispetto della vita privata e familiare, nonostante quanto è sancito dall’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo”. Diritti che dovrebbero essere tutelati a cominciare dal linguaggio, introducendo le nuove categorie di persone “FtM o MtF”, secondo la transizione da donna a uomo e viceversa.

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.