Home » in primo piano

Liste di attesa: firmato il decreto per ridurre i tempi

7 novembre 2013 nessun commento

363885_recupA tre anni esatti dalla sigla del protocollo d’intesa Stato-Regioni, che definiva a livello nazionale i tempi massimi di attesa per le prestazioni, è stato siglato dal presidente della Regione Lazio e commissario per la Sanità, Nicola Zingaretti, il decreto per il governo delle liste di attesa che, dalla data della sigla 28 ottobre, diviene quindi operativo. Spetta ora alle Asl il compito di elaborare, in 60 giorni, i piani attuativi aziendali in modo che da gennaio possano divenire effettivi. Al progetto hanno aderito i medici di medicina generale e i rappresentanti della sanità privata, tra cui le strutture aderenti all’Aiop (Associazione italiana ospedalità privata), all’Aris (ospedali religiosi), e ancora, Federlazio e i policlinici universitari come Gemelli e il Campus Biomedico. Questo circuito, insieme a tutte le strutture pubbliche, da gennaio metterà a disposizione del sistema di prenotazione unico (Recup) almeno il 60 per cento delle prestazioni prodotte. Attualmente siamo al 51 per cento delle prestazioni messe a disposizione dalle aziende pubbliche e 49 per cento dei privati. L’obiettivo è riportare i tempi di erogazione di un esame entro quelli indicati dal piano nazionale per le liste di attesa, entrato in vigore, appunto, il 28 ottobre del 2010 in seguito all’intesa della Conferenza Stato-Regioni. Le prestazioni sottoposte a monitoraggio sono 14 per quanto riguarda le visite specialistiche e 29 per quelle di diagnostica strumentale. Tra queste la visita cardiologica, oncologica, neurologica, ginecologica e gli esami di risonanza magnetica, tac, ecografie ed ecocolordoppler. Le prestazioni che i medici indicano come urgenti dovranno essere erogate entro 72 ore e saranno contrassegnate con la lettera U. L’esame che nell’impegnativa riporterà la lettera B dovrà invece essere erogato entro 10 giorni; il differibile, riconoscibile dalla lettera D, dovrà essere assicurato entro 20 giorni per le visite e 60 giorni per gli accertamenti diagnostici. Se l’Azienda sanitaria non rende disponibile la prestazione entro i tempi stabiliti deve assicurare un’alternativa. Nel programma, inoltre, è previsto il potenziamento del sistema di prenotazione diretta da parte dei medici di medicina generale nel caso di esame urgente, in modo che possa essere eseguito entro le 72 ore. Nel sistema saranno inseriti anche percorsi programmati per i malati cronici come i diabetici, cardiopatici patologie respiratorie. Le apparecchiature ad alta tecnologia disponibile presso tutte le Azienda sanitarie e ospedaliere del Lazio dovranno essere utilizzate nell’arco delle 12 ore. Al fine di garantire il corretto rapporto tra il regime istituzionale di erogazione delle prestazioni e quello libero professionale, le aziende sanitarie provvederanno alla riduzione e/o sospensione dell’attività libero professionale nelle unità operative in cui i tempi di attesa superano quelli previsti dal programma regionale.

Facebook comments:

puoi commentare qui

aggiungi il tuo commento qui sotto, oppure puoi fare un trackback dal tuo sito. puoi anche seguire questi commenti via RSS.

puoi usare questi tag:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

questo blog usa Gravatar. per usarlo iscriviti su Gravatar.