18 Feb 2019 | nessun commento |
Autonomia regionale e riflessi sulla salute

Le previsioni della riforma delle regioni per la sanità. Interviene la Fondazione di ricerca Gimbe
Veneto, Lombardia, Emilia Romagna: all’esame del governo il progetto di “autonomia differenziata”, prevista dall’articolo 116 della Costituzione, che dà più poteri alle regioni. E la piazza si infiamma manifestando il 15 febbraio sotto Montecitorio. Imposte locali trattenute sul territorio degli enti “virtuosi”, questo il succo della riforma, come negli stati federali. Dopo la pre-intesa col governo Gentiloni si va avanti. Secondo Nino Cartabellotta, presidente di Gimbe, fondazione per la ricerca e formazione sanitaria, “si rischia di …

leggi tutto l'editoriale »

governo »

[18 Feb 2019 | nessun commento | ]
Commissari: “Stop alla saga degli Zingaretti”

Decreto fiscale sancisce incompatibilità dei presidenti/commissari. La Regione ricorre alla Consulta
E’ scontro frontale tra il ministro della Salute Giulia Grillo e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. In qualità di commissario ad acta per il rientro dal deficit, il governatore ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale avverso il decreto legge 119 – decreto fiscale poi convertito – che all’articolo 25 septies prevede l’incompatibilità del doppio ruolo di presidente regionale e commissario ad acta per il rientro dal deficit sanitario. Entro novanta giorni dall’entrata in vigore (19 dicembre 2018), gli …

leggi tutto l'articolo »

regione »

[18 Feb 2019 | nessun commento | ]
Psichiatria regionale tra luci e ombre

Tagli di nastro e carenze di organico. La salute mentale nel Lazio: inaugurazioni e annose difficoltà
San Filippo Neri, un nuovo reparto per il rilancio della salute mentale. Ristrutturato il Servizio psichiatrico diagnosi e cura () con l’ampliamento degli spazi, maggiore interazione con il pronto soccorso, 16 stanze di degenza e un giardino terapeutico. Nato 40 anni fa tra i primi nel Lazio – dopo la chiusura del vicino ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà – il servizio, rinnovato con la spesa di 680 mila euro, presenta criteri di qualità, sicurezza …

leggi tutto l'articolo »

governo »

[18 Feb 2019 | nessun commento | ]
Numero verde 1500, lo scontento è in linea

I primi risultati della linea istituita quattro mesi fa dal ministero della Salute. Liste d’attesa in pole
Una telefonata su quattro contro i tempi di attesa, arriva dalla Regione Lazio, al primo posto di una non invidiabile classifica. Il risultato di mesi di ascolto del 1500, linea diretta cittadini-ministero, ha consentito di tracciare un bilancio della politica sanitaria in ogni regione. Impossibile, in tempi ragionevoli, una visita o un esame nel Lazio, seguito a distanza da Lombardia e Campania. Su 1.600 telefonate ricevute dall’8 ottobre al 31 dicembre 2018, il 24 …

leggi tutto l'articolo »

dalle aziende »

[18 Feb 2019 | nessun commento | ]
Assistenza ai rifugiati con progetto Ue

Più di 2 miloni alla Asl Roma 1 per presa in carico e prevenzione di soggetti dimoranti nei centri di accoglienza
Assistenza a tutto tondo, senza ticket né liste di attesa. è il progetto Icare “Integration and community care for asylum and refugees in emergency”, finanziato con 9milioni dalla Ue in 5 regioni italiane: Liguria, Toscana, Lazio e Sicilia con l’Emilia Romagna a fare da capofila. Si tratta della “presa in carico e percorsi integrati di assistenza territoriale per soggetti in condizioni di particolare vulnerabilità sanitaria” vittime di abusi, violenza sessuale, …

leggi tutto l'articolo »

regione »

[18 Feb 2019 | nessun commento | ]
Case della salute: “Poche e inefficienti”

Daniele Giannini (Lega), denuncia la mancata realizzazione di 31 presidi sul territorio del Lazio
Casa della salute, “porta di accesso unificata al sistema sanitario regionale, inserita in una rete sociosanitaria di cure primarie e continuità assistenziale”. Sul portale salutelazio.it la struttura è presentata come “l’innovativo punto di forza della medicina territoriale, un sistema per cui i cittadini fruiscono di una offerta di servizi, più accessibili e meglio organizzati”. Secondo i programmi regionali dovevano essere 48 su tutto il territorio, una per ogni distretto sanitario entro il 2014: a tutt’oggi se ne …

leggi tutto l'articolo »