5 set 2016 | nessun commento |
Ospedali in sicurezza <br>operazione in salita

Impegno elevato e costi proibitivi hanno impedito l’adeguamento sismico degli ospedali italiani
Ospedale Cervello di Palermo, il Civile di Partinico e il padiglione 6 del nosocomio di Messina. Hanno in comune i risultati di una verifica che nel 2009 evidenziò la realizzazione delle strutture con cemento depotenziato e non consentì il superamento dei test antisismici. Non sono i soli. In Italia, secondo uno studio commissionato dall’ex ministro della Sanità Umberto Veronesi nel 2001, su circa 1000 presidi il 65 per cento è stato costruito prima del 1970 e solo il 15 …

leggi tutto l'editoriale »

regione »

[21 set 2016 | nessun commento | ]
Direttori generali: D’Urso agli Ifo, Branca allo Spallanzani. Critiche dall’opposizione

Parere favorevole espresso dalla commissione Politiche sociali e salute del Consiglio regionale del Lazio – presieduta da Rodolfo Lena – alla nomina dei direttori generali degli Ifo, Istituti fisioterapici ospedalieri Regina Elena e San Gallicano e dell’Istituto per le malattie infettive Spallanzani, rispettivamente Antonio D’Urso (nella foto) e Marta Branca.
Il primo lascia il San Camillo per approdare all’Istituto di Mostacciano mentre Branca era commissario di entrambi gli ospedali e resta nel nosocomio di Portuense.  Il dibattito in commissione è stato vivace e il voto è arrivato dopo vari interventi contrari alle …

leggi tutto l'articolo »

dalle aziende »

[17 set 2016 | nessun commento | ]
‘Collocati’ D’Alba e Mostarda, la Regione rinvia per sistemare altre tessere del puzzle

Un rinvio che non dovrebbe portare a sconvolgimenti rispetto al ‘giro’ di nomine già anticipato. Gli schemi di decreto all’esame della commissione Politiche sociali e salute, presieduta dal democratico Rodolfo Lena (nella foto), vedono lo spostamento dell’attuale direttore generale del San Camillo Antonio D’Urso nella poltrona più alta dell’ifo, Istituti fisioterapici ospitalieri cui afferiscono Il Regina Elena e il San Gallicano, il primo specializzato per la cura delle patologie oncologiche, l’altro storico istituto dermatologico della Capitale. Alla direzione dell’altro Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) Spallanzani la conferma dell’attuale commissario Marta …

leggi tutto l'articolo »

dalle aziende »

[17 set 2016 | nessun commento | ]
Barillari M5s: “Le mani del Pd sulla sanità. Spartizione di poltrone nel silenzio dei media”

“13 settembre ore 10: in commissione Sanità va in scena la spartizione delle poltrone. Verranno nominati tre nuovi direttori generali delle Asl. Anche quelli che hanno dato palese dimostrazione di incapacità gestionale nei loro incarichi precedenti”. Lo scrive Davide Barillari, portavoce del Movimento 5 Stelle e membro della commissione Politiche sociali e salute, sulla sua pagina facebook e continua: “Fabrizio D’Alba va al San Camillo dopo che ha portato la Asl Roma H (ora Rm 6) al livello peggiore in Italia (aumentata mortalità infantile, ridotta copertura vaccinale, limitazione degli screening, ecc). …

leggi tutto l'articolo »

dalle aziende »

[17 set 2016 | nessun commento | ]
Santori (FdI): “Dubbi legittimità su nomine direttori asl e ospedali. Quadro inquietante”

Dubita sulla legittimità delle nomine il consigliere della commissione regionale Politiche sociali e salute Fabrizio Santori, che attacca: “Valzer di poltrone, amici degli amici, promozione di figli dei politici nei posti di sottocomando, posizione organizzative ai soliti sindacalisti. Molte le persone al limite dell’età pensionabile, pochissimi giorni prima dell’entrata in vigore della legge Madia che inibisce le nomine a chi superi il limite dei 65 anni. Così si aggira la legge, anticipandola. Ad esempio, Flori Degrassi reggente della Asl Roma 2 ex superdirettore dell’assessorato alla sanità regionale – sulla cui …

leggi tutto l'articolo »

dalle aziende »

[17 set 2016 | nessun commento | ]
Sbardella: “Sulle nomine dei direttori generali il centrosinistra ha una fretta sospetta”

Una serie di nomine arrivate poco prima che venga approvata la riforma Madia che prevede nuovi criteri per l’individuazione dei direttori generali di Asl e aziende ospedaliere. Il decreto 38, firmato da Zingaretti e approvato in commissione a maggioranza, con otto voti favorevoli e quattro contrari, è un provvedimento partorito in zona Cesarini e questo ha innescato numerose polemiche. “Sarebbe stato opportuno attendere l’entrata in vigore delle nuove regole e discutere della questione con più calma e cognizione di causa”, attacca il vicepresidente della commissione Politiche sociali e salute Antonello Aurigemma (Fi). …

leggi tutto l'articolo »